Info, tv e digital: come seguire il torneo

Il Trofeo Bonfiglio, gli Internazionali d’Italia Juniores, arrivano all’edizione n.62. Si giocano subito dopo gli Internazionali dei pro, al Foro Italico (con cui condividono anche il direttore del torneo, Sergio Palmieri). Si va in scena dal 14 al 22 maggio sui campi del Tennis Club Milano Alberto Bonacossa, con protagonisti i migliori under 18 del mondo. È passato più di mezzo secolo dalla prima edizione, da quel 1959 che vide trionfare Sergio Tacchini, azzurro di Davis e poi brillante imprenditore sportivo.

CHI ERA ANTONIO BONFIGLIO – Il torneo omaggia e onora la memoria di Antonio Bonfiglio, uno dei giovani più promettenti del panorama tennistico azzurro della prima metà del ‘900, precocemente scomparso. Oggi il Trofeo Bonfiglio è classificato nel calendario Itf Under 18 come Grado A, lo stesso di Australian Open, Roland Garros, Wimbledon, US Open e Orange Bowl: è considerato il 5° Slam dell’anno.

FORMULA & PROGRAMMA – La 62a edizione del Trofeo Bonfiglio prende il via sabato 14 maggio con le qualificazioni: due tabelloni da 64 (maschile e femminile) designeranno gli 8 giocatori e le 8 giocatrici che andranno a completare i due main draw, anche questi a 64 giocatori. Domenica 22 maggio le finali del singolare.

SITO UFFICIALE, SOCIAL NETWORK E LIVE SCORE – Anche quest’anno sarà disponibile il sito ufficiale del Trofeo Bonfiglio, consultabile all’indirizzo www.trofeobonfiglio.com, dove sarà possibile trovare risultati in diretta, tabelloni, orari di gioco, foto e news. Il livescore del Trofeo Bonfiglio è fornito da Tennis-Ticker, app per smartphone e tablet dedicata al live scoring. Aggiornamenti, foto e commenti disponibili anche su Facebook e Instagram (account ufficiali del Tc Milano A. Bonacossa). È possibile partecipare con gli hashtag #TrofeoBonfiglio e #Bonfiglio62

SUPERTENNIX E SUPERTENNIS: IN TV – Copertura super per l’edizione 2022 del Trofeo Bonfiglio. SuperTennis Tv (64 del digitale terrestre, 212 di Sky e 30 di TivùSat) e SuperTenniX, la nuova piattaforma web di contenuti on-demand della FIT, trasmetteranno le fasi finali del torneo.

INGRESSO LIBERO – L’ingresso nella splendida e storica struttura del Tc Milano Alberto Bonacossa è libero per tutta la durata della manifestazione, dalle qualificazioni alle finali.

QUINZI 2012, ULTIMA VITTORIA AZZURRA – Oltre a Tacchini e Fioroni, l’albo d’oro del torneo milanese include i successi di Luciano “Pips” Borghi (1961), dei grandi Adriano Panatta e Corrado Barazzutti, trionfatori rispettivamente nel 1971 e 1972, e ancora di Gianni Ocleppo (1977), Antonio Padovani (1985), Stefano Pescosolido (1989), Florian Allgauer (1997), Matteo Trevisan (2007) e Gianluigi Quinzi (2012). Tra le donne toviamo Silvia Farina, vittoriosa nel 1990 in finale su Nathalie Baudone, e Antonella Serra Zanetti a segno nel 1998.

N.1 DOPO AVER VINTO IL BONFIGLIO – Sono 11 i numeri 1 della storia del ranking maschile (introdotto nel 1973) che sono transitati, con alterne fortune, dal Tc Milano Alberto Bonacossa. Il primo n.1 a brillare nel torneo meneghino fu Ivan Lendl, vincitore dell’edizione del 1978. Solo Jim Courier e Yevgeny Kafelnikov riusciranno nella stessa impresa: vincere il Bonfiglio (rispettivamente nel 1987 e nel 1992) e salire in vetta al ranking mondiale. Due straordinari campioni come Stefan Edberg e Roger Federer, a Milano non andarono oltre i quarti di finale. Lo svedese, in particolare, presentatosi sui campi del Tc Milano A. Bonacossa come grande favorito nel 1983, dovette arrendersi al termine di un’emozionante contesa al nostro Michele Fioroni, uno dei 13 azzurri (11 uomini e 2 donne) ad aver trionfato al Bonfiglio.

BUENO A CACCIA DELLA DOPPIETTA – Dopo la vittoria del 2021, il peruviano Gonzalo Bueno torna al Tc Milano Alberto Bonacossa a caccia di una storica doppietta che al Bonfiglio manca addirittura dalla stagione ’73-’74, considerando solo il torneo maschile dal ’69-’70. Gli unici a essere riusciti nell’impresa sono il greco Nicholas Kalogeropoulus (’64-’65) e l’australiano John Alexander (’69-’70); tra le donne, centrarono la doppietta le cecoslovacche Marie Neummanova (’66-’67) e Renata Tomanova (’73-’74). Lo scorso anno tra le donne vinse la filippina Alexandra Eala.